Version: 1.0

Terminologia

Con il termine conoscenza si intende:

  1. Contenuti come musica, film, libri;
  2. Dati, siano essi scientifici, storici, geografici o di altro tipo;
  3. Informazione del settore pubblico.

Nonostante la sua evidente importanza, il software è escluso, poiché è già stato trattato in maniera appropriata in altre sedi.

Il termine opera sarà utilizzato per indicare l’oggetto o l’elemento di conoscenza che viene trasferito.

Il termine pacchetto può essere utilizzato anche per indicare una raccolta di opere. Naturalmente un tale pacchetto può essere considerato un’opera di per sé.

Il termine licenza si riferisce alla licenza in base alla quale il lavoro è reso disponibile. Nel caso in cui non sia stata concessa alcuna licenza, ci si riferisce alle normali condizioni giuridiche a cui il l’opera è soggetta (per esempio le norme sul diritto d’autore).

Definizione

Un’opera è aperta se la relativa modalità di distribuzione soddisfa le seguenti condizioni:

1. Accesso

L’opera deve essere disponibile nella sua interezza ed a un costo di riproduzione ragionevole, preferibilmente tramite il download gratuito via Internet. L’opera deve inoltre essere disponibile in un formato comodo e modificabile.

2. Ridistribuzione

La licenza non deve imporre alcuna limitazione alla vendita o all’offerta gratuita dell’opera singolarmente considerata o come parte di un pacchetto composto da opere provenienti da fonti diverse. La licenza non deve richiedere alcuna “royalty” o altra forma di pagamento per tale vendita o distribuzione.

3. Riutilizzo

La licenza deve consentire la realizzazione di modifiche e di opere derivate e deve consentire la loro distribuzione agli stessi termini dell’opera originaria.

4. Assenza di restrizioni tecnologiche

L’opera deve essere fornita in un formato che non ponga ostacoli tecnologici allo svolgimento delle attività sopraelencate. Ciò può essere conseguito mediante la messa a disposizione dell’opera in un formato aperto, vale a dire un formato le cui specifiche siano pubblicamente e liberamente disponibili e che non imponga nessuna restrizione economica o di altro tipo al suo utilizzo.

5. Attribuzione

La licenza può richiedere di citare i vari contributori e creatori dell’opera come condizione per la ridistribuzione ed il riutilizzo di quest’ultima. Se imposta, questa condizione non deve essere onerosa. Per esempio, se viene richiesta la citazione, un elenco di coloro che devono essere citati deve accompagnare l’opera.

6. Integrità

La licenza può richiedere, come condizione perché l’opera venga distribuita in forma modificata, che l’opera derivata abbia un nome o un numero di versione diverso dall’opera originaria.

7. Nessuna discriminazione di persone o gruppi

La licenza non deve discriminare alcuna persona o gruppo di persone.

8. Nessuna discriminazione nei settori d’attività

La licenza non deve impedire a nessuno di utilizzare l’opera in un determinato settore d’attività. Per esempio, la licenza non può impedire che l’opera sia utilizzata da un’azienda, o che venga utilizzata ai fini di ricerca genetica.

9. Distribuzione della licenza

I diritti relativi all’opera devono valere per tutte le persone a cui il programma viene ridistribuito senza che sia per loro necessario accettare o sottostare ad alcuna licenza aggiuntiva.

10. La licenza non deve essere specifica per un pacchetto

I diritti relativi all’opera non devono dipendere dal fatto che l’opera sia parte di un particolare pacchetto. Se l’opera viene estratta da quel pacchetto e usata o distribuita in conformità con i termini della licenza dell’opera, tutte le persone a cui il lavoro viene ridistribuito devono avere gli stessi diritti concessi in congiunzione con il pacchetto originario.

11. La licenza non deve limitare la distribuzione di altre opere

La licenza non deve imporre restrizioni su altre opere distribuite insieme all’opera licenziata. Per esempio, la licenza non deve insistere sul fatto che tutte le altre opere distribuite sullo stesso supporto siano aperte.

Translated by Primavera De Filippi, Andrea Glorioso and Juan Carlos De Martin at the NEXA Center for Internet & Society, Politecnico di Torino.